Pasta alle verdure grigliate

In estate è facile ritrovarsi con delle verdure grigliate in frigorifero; questa ricetta vi permetterà di riciclarle in una maniera diversa dal solito.

Ingredienti per 4 persone:
1 piatto di verdure grigliate miste (ho utilizzato melanzane, peperoni verdi, zucchine)
1 cipolla
1 pomodoro maturo
20 mandorle
Olio evo
Sale
Basilico
Lievito alimentare in scaglie
400 g di pasta di grano duro

Procedimento:
Affettate sottilmente la cipolla e fatela rosolare alcuni minuti in una padella con un goccio d’olio. Nel frattempo tritate grossolanamente le verdure grigliate e tagliate a cubetti il pomodoro.
Quando la cipolla sarà trasparente, aggiungete le verdure grigliate e il pomodoro, qualche foglia di basilico, salate e fate cuocere un paio di minuti, poi spegnete il fuoco.
Tritate finemente le mandorle con un pizzico di sale e un paio di cucchiai di lievito alimentare: devono avere la consistenza del formaggio grattugiato.
Scolate la pasta al dente conservando un paio di cucchiai di acqua di cottura, poi versatela nella padella con il sugo. Aggiungete le mandorle tritate e fate amalgamare bene a fuoco acceso, aggiungendo un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta per renderla più cremosa.

pasta con verdure grigliate

Buon appetito!

Annunci

Lasagne spezzate

Un piatto completo, sostanzioso e saporito, perfetto per un pranzo domenicale.

Ingredienti per 4 persone:
250 g di pasta di semola per lasagne senza uovo (io utilizzo le Ondine Delverde)
100 g di bocconcini di soia disidratati
1 piccola cipolla dorata
1 zucchina
200 g di pelati
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1/2 bicchiere di vino rosso
lievito alimentare a scaglie
olio evo
rosmarino
pepe nero
paprika

Procedimento:
Per prima cosa reidratate i bocconcini di soia, lasciandoli a mollo in acqua bollente per il tempo indicato sulla confezione.
Tagliate finemente la cipolla e fatela rosolare in padella con un paio di cucchiai d’olio, dopo 3/4 minuti aggiungete la zucchina grattugiata, i bocconcini di soia reidratata e sfumate con il vino rosso. Quando il vino sarà ben evaporato, aggiungete i pelati, il concentrato di pomodoro, qualche ago di rosmarino, sale, pepe e paprika a piacere e lasciate cuocere per circa 15 minuti con il coperchio, aggiungendo un goccio d’acqua calda nel caso dovesse asciugarsi troppo. Passato questo tempo aggiungete la pasta per lasagne spezzata grossolanamente, un bicchiere di acqua bollente, mescolate bene e lasciate cuocere per una decina di minuti, o comunque fino a che la pasta sarà cotta al punto giusto. A fuoco spento spolverate con il lievito alimentare in scaglie e terminate con un filo d’olio.

IMG_20170625_130657

Buon appetito!

Pasta integrale con verdure croccanti

Avevo tante belle verdure fresche a disposizione, con le quali ho preparato un piatto colorato e soprattutto salutare!

Ingredienti per 2 persone:

4 carote piccole con il loro ciuffo
1 zucchina
Le foglie di una rapa rossa
1 spicchio d’aglio
4 foglie di basilico
200 gr di pasta integrale
Olio evo
Sale
Peperoncino

Procedimento:
Separate le carote dal ciuffo e le foglie della rapa rossa dai loro gambi. Pelate le carote e tagliatele a piccoli pezzi. Tagliate anche la zucchina della stessa dimensione. Sminuzzate i gambi delle foglie di rapa. In una padella fate rosolare lo spicchio d’aglio e il peperoncino in un goccio d’olio, aggiungete le verdure a pezzetti (carote, zucchina, gambi rape), salate e fate cuocere a fuoco vivace per 5 minuti. Trascorso questo tempo aggiungete i ciuffi delle carote e le foglie della rapa tagliate sottili, fate cuocere ancora 1 minuto e togliete dal fuoco. Per ultimo unite il basilico spezzettato.
Fate cuocere la pasta al dente, scolatela nel condimento e amalgamatela bene.

Buon appetito!

Pasta con cavolo nero e fonduta

Nella cassetta di questa settimana c’erano alcune foglie di cavolo nero che reclamavano la massima attenzione e andavano cucinate subito! Oltre ad essere molto buono, vorrei sottolineare il fatto che il cavolo nero è considerato un alimento utile nella prevenzione di numerose forme tumorali nonché dell’ulcera gastrica e delle coliti ulcerose (info prese da questo interessante sito).
Detto questo, passiamo alla ricetta!

Ingredienti per 2 persone:
200 gr di pasta
1 manciata di foglie di cavolo nero
1 spicchio d’aglio
150 gr di formaggio a pasta molle
2 cucchiai di latte
pepe nero in grani
olio evo

Procedimento:
Pulite il cavolo togliendo le parti più coriacee, lavatelo e tagliatelo a pezzi di circa 10 cm. In una padella fate rosolare lo spicchio d’aglio con un goccio d’olio, aggiungete il cavolo, salatelo e lasciatelo cuocere circa 15/20 minuti, aggiungendo man mano acqua bollente e coprendolo con un coperchio.
Mettete in una pentola abbondante acqua, salatela e una volta a bollore buttate la pasta.
In un padellino fate sciogliere il formaggio a pasta molle con un goccio di latte e alcuni grani di pepe nero.
Una volta pronta la pasta assemblate il piatto: mettete sul fondo una cucchiaiata di fonduta, poi versate la pasta, conditela con le foglie di cavolo nero ormai tenere e ricoprite il tutto con abbondante fonduta. Servitela con un giro d’olio a crudo.

Buon appetito!

Pasta con carciofi e formaggio cremoso

Un’ idea per un primo piatto semplice ma sfizioso!

Ingredienti per 2 persone:
180 gr di pasta
100 gr di formaggio cremoso o ricotta
1 carciofo grande
1 spicchio d’aglio
1/2 bicchiere di vino bianco
pepe
prezzemolo
curcuma
peperoncino
sale
olio evo

Procedimento:
Con un coltello pulite il gambo del carciofo e togliete le foglie più esterne. Mettete dunque il carciofo a bollire in acqua leggermente salata per circa 15 minuti, o comunque finchè il gambo risulterà tenero. A questo punto scolate il carciofo conservandone l’acqua, tagliate il gambo a pezzetti e mettetelo da parte; togliete poi le foglie più coriacee, che potrete mangiare intingendole in un semplice pinzimonio di olio, sale e pepe. Dopo queste operazioni vi resterà solo il cuore del carciofo: tagliatelo in 4 spicchi e togliete le parti spinose e il “fieno” che si trova nel centro del carciofo. In una padella lasciate rosolare lo spicchio d’aglio con un goccio d’olio, aggiungete il gambo a pezzetti e il cuore di carciofo affettato finemente. Sfumate con il vino bianco e lasciate evaporare l’alcol. A questo punto salate, pepate e lasciate insaporire per circa 10 minuti, aggiungendo un mestolo dell’acqua in cui avevate bollito il carciofo.
In una pentola portate a bollore abbondante acqua salata e mettete a cuocere la pasta.
In una ciotola amalgamate il formaggio cremoso con un cucchiaio abbondante di curcuma, prezzemolo, peperoncino, sale e un goccio di acqua di cottura del carciofo. Scolate la pasta al dente direttamente nella ciotola, mescolate bene e impiattate aggiungendo sopra i carciofi saltati.

Buon appetito!

 

Linguine con uova e radicchio

Questo primo piatto nasce da un errore: volevo preparare la frittata di pasta, ma ho utilizzato poche uova e non è uscita…. Demoralizzata ho spadellato questo pasticcio in un piatto, l’ho assaggiata e l’ho trovata comunque molto gustosa. Quindi perchè non pubblicarla?

Ingredienti per 2 persone:
160 gr di pasta formato lungo (io ho utilizzato appunto le linguine)
2 uova
1 radicchio rosso
1 spicchio d’aglio
25 gr di formaggio grattuggiato
1 manciata di capperi dissalati
origano
olio
sale

Procedimento:
Portate ad ebollizione in una pentola abbondante acqua salata nella quale cuocerete la pasta tenendola abbastanza al dente (toglietela 2 minuti prima del tempo di cottura indicato sulla scatola). Nel frattempo tagliate sottilmente il radicchio e lavatelo bene. In una padella fate soffriggere lo spicchio d’aglio con un goccio d’olio, aggiungete il radicchio e fatelo stufare 4/5 minuti con i capperi tritati. Salate leggermente ( i capperi, anche se dissalati, mantengono una certa sapidità). In una ciotola sbattete le uova con il formaggio, una presa di sale e una punta di origano.
Scolate la pasta, amalgamatela con le uova e il radicchio e versate il tutto in una padella antiaderente con un goccio d’olio. Rimestatela  fino a che le uova risulteranno rapprese. 

Buon appetito!

Pasta con cavolfiore, ricotta e olive

Una ricetta semplice per un pranzo veloce.

Ingredienti per 2 persone:
200 gr di pasta
100 gr di cavolfiore (solo la parte bianca)
20 olive verdi e nere
150 gr di ricotta
olio evo
sale
prezzemolo
peperoncino

Procedimento:
Tagliate il cavolfiore sottilissimo con il coltello (deve risultare una specie di cous cous) e buttatelo insieme alla pasta in una pentola con abbondante acqua salata in ebollizione. Nel frattempo in una ciotola capiente mettete le olive tagliate a pezzetti, la ricotta, un goccio d’olio e prezzemolo a piacere. Mescolate bene e salate. Scolate la pasta e il cavolfiore e mantecateli nella ciotola con la crema di ricotta e olive. Servite con una spolverata di peperoncino in polvere a piacere.

Buon appetito!

Pasta con catalogna, patate e ricotta

Viste le 2 settimane di stop della cassetta bio causa feste natalizie, ho dovuto cambiare momentaneamente spacciatore di verdure. Ho visto sul banco del fruttivendolo dei bei cespi di una verdura a me pressoché sconosciuta e ho deciso di tentare la sorte: ho acquistato la mia prima catalogna! Documentandomi poi a casa ho letto che è molto amara in quanto appartenente alla famiglia delle cicorie, ma in compenso ha delle proprietà digestive e diuretiche notevoli. E catalogna sia!

Ingredienti per 2 persone:
le foglie verdi di un cespo di catalogna (con le coste bianche e più dure faremo un’altra ricetta nei prossimi giorni)
200 gr di pasta formato lungo (io ho utilizzato le bavette)
1 spicchio d’aglio
1 patata
1 manciata di capperi dissalati
1 manciata di olive verdi denocciolate
1 peperoncino secco
50 gr di ricotta
olio evo
sale

Procedimento:
Tagliate dal cespo di catalogna solo le foglie verdi e lavatele accuratamente, spezzettandole grossolanamente con le mani.
In una padella mettete un goccio abbondante di olio evo, l’aglio, il peperoncino, i capperi e le olive e fate soffriggere un paio di minuti. A questo punto aggiungete la catalogna, salate e lasciate cuocere una decina di minuti a fuoco vivace mecolandola spesso.
Nel frattempo in un’altra pentola portate a bollore abbondante acqua salata. Sbucciate la patata e tagliatela a piccoli cubetti; buttateli nell’acqua bollente insieme alla pasta.
Quando la catalogna si sarà intenerita, togliete l’aglio e aggiungete la ricotta con un mestolo di acqua di cottura della pasta. Scolate la pasta al dente insieme alle patate, che nel frattempo saranno diventate morbide (basta il tempo di cottura della pasta), direttamente nella padella con il condimento ancora sul fuoco. Amalgamate bene il tutto mescolando in modo che l’acqua di cottura venga assorbita e si formi una sorta di cremina con la ricotta. Impiattate e guarnite con un filo di olio a crudo.
In effetti la catalogna è amarognola, ma la presenza delle patate e della ricotta stempera il tutto rendendo il sapore di questa pasta davvero molto gradevole.

Buon appetito!

Bavette con cavolo romanesco e seitan

Si tratta di una ricetta copiata dall’ultimo numero di Cucina Naturale (mensile che consiglio perchè segue i concetti di biologico e stagionalità che animano anche questo blog), alla quale ho apportato pochissime modifiche in base a quello che avevo in casa. Il risultato è sorprendente e quindi ve la propongo!

Ingredienti per 2 persone:
200 gr di pasta formato bavette (o altro formato di pasta lunga)
1 cavolo romanesco di circa 400 gr
1 spicchio d’aglio
100 gr di seitan (io avevo quello “alla piastra” che vendono al super)
1/2 foglio di pane guttiau (ovvero pane carasau condito con olio e sale. Nella ricetta originale c’erano 3 cucchiai di pan grattato da far tostare con olio e timo.)
1 rametto di rosmarino
1 peperoncino secco
olio evo

Procedimento:
Mondate il cavolo dividendolo in piccole cimette e mettetelo a cuocere in acqua salata per circa 8/10 minuti (deve risultare al dente). Tagliate il seitan a piccoli pezzetti e saltatelo in una padella con olio, aglio, rosmarino e peperoncino per un paio di minuti. Trascorso questo tempo togliete il seitan e lasciatelo da parte. Scolate il cavolo conservando l’acqua di cottura e mettetelo a cuocere nella padella dove avete precedentemente scottato il seitan, aggiungendo acqua di cottura per rendere la verdura più tenera.
Fate cuocere la pasta nell’acqua dove avete bollito il cavolo romanesco e scolatela al dente. Terminate la cottura della pasta nella pentola con il cavolo leggermente stufato, aiutandovi con un mestolo di acqua di cottura. A fuoco spento aggiungete il seitan e il pane guttiau sbriciolato. Servite con un filo d’olio a crudo.

Buon appetito!

Spaghetti con crema di cipolle rosse e formagella

E’ un piatto che ha preparato mia mamma ieri a pranzo, talmente buono che ho deciso di rubarle la ricetta e condividerla!

Ingredienti (per 4 persone):
400 gr di spaghetti alla chitarra (o qualsiasi altro formato di pasta)
500 gr di cipolla rossa di Tropea
150 gr di formagella
30 gr di burro
500 ml di latte di soia
1 cucchiaio di farina oo
1 cucchiaio d’olio evo
prezzemolo
sale
pepe

Procedimento:
Affettate sottilmente la cipolla e fatela appassire in una pentola con 30 gr di burro e 1 cucchiaio d’olio. Dopo circa 15 minuti aggiungete 1 cucchiaio di farina e fatela tostare un paio di minuti. Aggiungete il latte caldo e fate cuocere per circa 25 minuti mescolando spesso. Salate e pepate. Frullate il tutto con il frullatore ad immersione, aggiungete la formagella a cubetti e fatela sciogliere ben bene. Nel frattempo cuocete la pasta, scolatela e amalgamatela alla salsa di cipolla. Spolverate con un pò di prezzemolo e servite.

Buon appetito!