Pasta fresca colorata con porri e asparagi

In una famiglia con due bimbe femmine le richieste di oggetti, vestiti e cibi rosa non mancano di certo! Questo piatto nasce per accontentare le piccole di casa, che volevano mangiare qualcosa di rosa e con gli asparagi (non sono proprio di stagione, ma facciamo uno strappo alle regole!). E’ stato talmente un successo che condivido subito la ricetta!

Ingredienti per 4/6 persone:
PER LA PASTA
600 g di farina 0
1 barbabietola piccola
olio evo
sale
latte di riso non zuccherato qb (potete usare anche l’ acqua ma io preferisco il latte per questo tipo di pasta)
PER IL CONDIMENTO
300 g di asparagi surgelati lessati
1 porro piccolo
100 ml di panna di soia (o altra panna vegetale)
1 busta di zafferano
prezzemolo
sale
olio
lievito alimentare (opzionale)

Procedimento:
Per prima cosa fate lessare la barbabietola e, una volta pronta, sbucciatela e frullatela con un bicchiere di latte vegetale. Su una spianatoia preparate la farina e impastatela con la barbabietola frullata, 2 prese di sale, 2 cucchiai di olio e latte qb per ottenere un panetto senza grumi, elastico e non appiccicoso. Considerate che dovrete impastare per almeno una decina di minuti: più la lavorerete più risulterà elastica e lavorabile. Avvolgete il panetto di pasta in un canovaccio e mettetelo in frigo per almeno 30 minuti.
Nel frattempo pulite e tagliate sottilmente la parte bianca del porro. Fatelo rosolare in una padella con un goccio d’olio per alcuni minuti, fino a che il porro sarà morbido. A quel punto unite gli asparagi già lessati e tagliati a piccoli pezzi (ad eccezione delle punte che potete lasciare integre). Salate e lasciate cuocere per una decina di minuti, aggiungendo un mestolo di acqua calda al bisogno. Trascorso questo tempo unite la panna e lo zafferano e amalgamate bene. Poi spegnete il fuoco.
Prendete la pasta dal frigo e stendetela sottilmente con l’aiuto di un mattarello: dovete ottenere una sfoglia di massimo 2 mm di spessore. Infarinatela bene, arrotolatela e tagliatela a striscioline della larghezza di 3 mm. Srotolate la pasta e mettetela su un vassoio infarinato, in modo che non si attacchi.
Cuocete la pasta in abbondante acqua bollente salata per circa 1 minuto (assaggiatela per sicurezza, comunque cuocerà molto velocemente essendo pasta fresca). Versate la pasta scolata nella padella con il condimento, fate amalgamare un minuto a fuoco vivace e spolverate con prezzemolo e lievito alimentare a piacere.

Pasta fresca alle barbabietole, porri e asparagi

Buon appetito!

Gnocchi allo zafferano con carciofi e topinambur

Il primo piatto della domenica (che pubblico di mercoledì sera…), quando si ha più tempo per cucinare e, soprattutto, per ripulire la cucina! Il connubio carciofi e topinambur è un classico, uniteli a dei delicati gnocchi allo zafferano e la buona riuscita della ricetta è assicurata!

Ingredienti per 4 persone:
6 patate grandi
2 carciofi
200 g di topinambur
10 cm di porro (la parte bianca)
1 bustina di zafferano
100 ml di crema di riso
farina 1 qb
sale
olio evo
pepe

Procedimento:
Lessate le patate, pelatele e schiacciatele con una forchetta. Unite alle patate una presa di sale, una bustina di zafferano e farina quanto basta per ottenere un composto non appiccicoso e facilmente lavorabile. Su un piano infarinato formate dei “bastoncini” e tagliateli in piccoli tocchetti, che trasferirete su un vassoio spolverato di farina.
Pelate i  topinambur, tagliateli a pezzi grandi circa come gli gnocchi e lessateli 10/15 minuti in acqua leggermente salata, fino a che saranno morbidi. Mondate i carciofi e tagliateli finemente, così come il porro. Fate rosolare il porro alcuni istanti in una padella con un goccio d’olio, poi unite i carciofi e fate cuocere per circa 10 minuti. Aggiungete i topinambur precedentemente lessati, salate e fate cuocere per altri 5 minuti. Al termine della cottura unite la crema di riso. Fate cuocere gli gnocchi in abbondante acqua salata e, una volta venuti a galla, scolateli nella padella con il condimento. Serviteli ben caldi.

Gnocchi allo zafferano con carciofi e topinambur

Buon appetito!

Riso basmati con crema di zucchine

Stasera avevo pochissimo tempo per cucinare e nel cassetto delle verdure c’erano solo zucchine. Nonostante questi presupposti sono riuscita a mettere in tavola un piatto per tutta la famiglia, leggero e saporito allo stesso tempo. Ve lo consiglio assolutamente!

Ingredienti per 4 persone:
320 gr di riso basmati
4 zucchine
1 spicchio d’aglio
1 bustina di zafferano
latte vegetale
sale
olio evo
prezzemolo

Procedimento:
Lavate le zucchine, eliminate le estremità e tagliatele a pezzi di circa 1 cm. In una padella mettete un goccio d’olio, lo spicchio d’aglio sbucciato, le zucchine, mezzo bicchiere d’acqua e una presa di sale. Lasciate cuocere circa 15 minuti con il coperchio, fino a che le verdure saranno tenere e l’acqua evaporata quasi completamente. Nel frattempo fate cuocere il riso basmati in abbondante acqua salata.
Quando le zucchine saranno pronte, frullatele finemente lasciando lo spicchio d’aglio e unendo mezza tazzina da caffè di latte, lo zafferano e, se necessario, un pizzico di sale.
Scolate il riso e conditelo con un filo d’olio e del prezzemolo. Servitelo con la crema di zucchine: è buono sia caldo che freddo.

Riso con crema di zucchine

Buon appetito!

 

Risotto cremoso con radicchio, funghi e zafferano

Un’interessante variante del risotto con il radicchio rosso!

Ingredienti per 4 persone:
320 gr di riso carnaroli o vialone nano
20 gr di funghi porcini secchi
1 radicchio rosso
1 bustina di zafferano
100 gr di formaggio tipo crescenza
50 gr di grana padano grattugiato
½ bicchiere di vino bianco
1 litro di brodo vegetale salato
olio
pepe nero
prezzemolo

Procedimento:
In un pentolino portate a bollore il brodo vegetale e lasciate il fuoco al minimo per mantenere la temperatura.
Lavate il radicchio e tagliatelo a listarelle. Versate in un tegame un goccio d’olio e aggiungete il radicchio. Fatelo stufare qualche minuto, aggiungete il riso e lasciatelo tostare un paio di minuti rimestandolo con un cucchiaio di legno. Sfumate con il bicchiere di vino bianco e lasciate evaporare bene l’alcool. Nel frattempo mettete i funghi secchi a rinvenire in acqua calda. Cuocete il riso mescolando spesso e aggiugendo se necessario il brodo, poco per volta. A metà cottura unite i funghi scolati e lo zafferano.
Quando il riso è quasi pronto aggiungete i formaggi, aggiustate di sale e pepe e perfezionate la cottura sempre mescolando con attenzione. Lasciate riposare il riso un paio di minuti prima di servirlo, cospargendolo con del prezzemolo tritato.

Risotto con radicchio, funghi e zafferano

Buon appetito!

 

Asparagi con crema di formaggio allo zafferano

Un contorno delizioso!

Ingredienti per 2 persone:
1 mazzo di asparagi
100 gr di stracchino
50 gr di provola dolce
1 tazzina da caffè di latte
1 bustina di zafferano
Sale
Pepe

Procedimento:
Lavate gli asparagi e togliete la parte di gambo più dura. Metteteli a bollire in una pentola stretta e alta per circa 10 minuti, lasciando le punte fuori dall’acqua. Devono risultare teneri ma non sfatti.
In un pentolino sciogliete i formaggi tagliati a pezzi con il latte, lo zafferano, sale e pepe.
Disponete gli asparagi in un piatto da portata e cospargeteli con la fondutina di formaggi.

Buon appetito!

Malloreddus porri e zafferano

Fondamentale per la buona riuscita di questa ricetta è avere un ottimo porro a disposizione e sicuramente quello che c’era nella cassettina bio di stamattina lo era! Questo primo piatto è velocissimo da preparare, ma non per questo meno goloso!

Ingredienti per 2 persone:
200 gr di malloreddus
1 porro
50 gr di panna di soia
1 bustina di zafferano
olio evo
sale
pepe nero
2 cucchiai di provola affumicata grattuggiata (facoltativa)

Procedimento:
Buttate la pasta in una pentola con abbondante acqua salata a bollore. Nel frattempo affettate il porro sottilmente e mettetelo in una padella con un goccio generoso d’olio. Lasciatelo rosolare una decina di minuti, aggiungendo un mestolo dell’acqua di cottura della pasta. Quando il porro sarà tenero, aggiungete la panna, lo zafferano, salate e pepate. Scolate la pasta al dente direttamente nella padella con il condimento, aggiungete un altro mestolo d’acqua di cottura e lasciate amalgamare il tutto per un paio di minuti a fuoco acceso, mantecando a piacere con il formaggio.


Buon appetito!

Ravioli ripieni di bietole con porri e zafferano

Ieri ho tirato fuori dopo secoli la mia macchina per stendere la pasta fresca e ho deciso di fare dei ravioli (salvate questo post nei preferiti perchè Veggiechoice che propone la pasta fresca ripiena è un evento che si verificherà rarissime volte, vista la scarsa pazienza di cui sono dotata! ).
Nonostante la premessa, i ravioli erano deliziosi sia di aspetto che di gusto!

Ingredienti per 2 persone:
100 gr di farina 00
100 gr di farina di grano duro
2 uova per l’impasto + 1 uovo per chiudere i ravioli
100 gr di bietoline sbollentate e strizzate
100 gr di ricotta
20 gr di grana padano grattuggiato per il ripieno + 20 gr per il condimento
pepe nero
sale
olio evo
25 gr burro
10 cm di porro (la parte bianca)
1/2 bustina zafferano

Procedimento:
Per prima cosa preparate la pasta: amalgamate le farine con le uova e un cucchiaino scarso di sale e lavorate energicamente con le mani fino ad ottenere un impasto sodo e omogeneo. Mettete la pasta a riposare avvolta in un canovaccio per mezz’ora.
Nel frattempo preparate il ripieno: tritate finemente le bietole con il coltello  e amalgamatele con la ricotta, il grana, un pizzico di sale e una spolverata abbondante di pepe.
Riprendete la pasta e stendetela sottilmente con l’aiuto dell’apposita macchina (io ho fatto spessore 7), altrimenti, se siete molto bravi, andate di mattarello! Mettete su ogni striscia di pasta delle piccole palline di ripieno, spennellate la sfoglia intorno al ripieno con l’uovo sbattuto, coprite con un’altra sfoglia, fate una pressione con le dita attorno al ripieno e ritagliate i ravioli della forma che preferite (la foto non rende giustizia ma i miei erano degli splendidi cuoricini!).
Una volta esaurita tutta la pasta cuocete i ravioli in abbondante acqua salata per circa 2 minuti.
Come condimento ho semplicemente fatto sciogliere il burro in una padella con il porro tagliato sottile e lo zafferano, lasciando cuocere per un paio di minuti. Spolverate abbondantemente con il grana grattuggiato.

Buon appetito!

Risotto con cime di rapa e burrata

In questo risotto il retrogusto leggermente amarognolo delle cime di rapa viene mitigato dalla dolcezza della burrata, che aggiunta a freddo crea un gioco di contrasti molto interessante!

Ingredienti per 4 persone:
320 gr di riso carnaroli o arborio
300 gr di cime di rapa
1 spicchio d’aglio
1/2 bustina di zafferano
1 litro di brodo vegetale salato
1 bicchiere di vino bianco
50 ml di panna di soia
50 gr di formaggio grattuggiato tipo grana
1 burrata da circa 200 gr
olio evo
sale
pepe
peperoncino
prezzemolo

 

Procedimento:
Lavate le cime di rapa e eliminate tutte le parti coriacee: per questa preparazione utilizzeremo solamente le foglie e i fiori (che per capirci sembrano cimette di broccolo). 
In una padella fate scaldare un goccio d’olio con lo spicchio d’aglio, aggiungete le cime di rapa, salate, pepate e lasciate insaporire un paio di minuti. A questo punto mettete il riso e fatelo tostare per qualche istante mescolando con un cucchiaio. Versate il bicchiere di vino e lasciate evaporare tutto l’alcol stando ben attenti a non fare attaccare il riso. Iniziate ad aggiungere un mestolo di brodo alla volta, facendolo ben assorbire  e continuando a mescolare. A metà cottura unite lo zafferano e il peperoncino. Quando mancano circa 2 minuti alla cottura perfetta del riso aggiungete la panna e il formaggio grattuggiato. Aggiustate di sale e portate a cottura, sempre mescolando. Fuori dal fuoco aggiungete il prezzemolo tritato, impiattate e mettete un pezzo di burrata sopra ad ogni piatto, in modo che il commensale possa decidere se mangiarla separatamente o amalgamarla al risotto.

Buon appetito!

Risotto alla verza, funghi porcini e zafferano

Come avrete capito ho una vera e propria passione per i risotti! Ricordate la verza che era avanzata dalla ricetta dei fagottini di verza al riso integrale? Vi avevo promesso che l’avrei utilizzata ben presto, ed eccola qui!

Ingredienti per 4 persone:
320 gr di riso carnaroli
le foglie esterne di una verza (circa una decina)
20 gr di funghi porcini secchi
1 bustina di zafferano in polvere
1 litro di brodo vegetale salato
1/2 cipolla rossa
1 bicchiere di vino bianco
100 ml di panna di soia
50 gr di formaggio grattuggiato tipo grana (in caso foste vegani il formaggio si può sostituire con lievito a scaglie)
olio evo
sale
pepe
peperoncino in polvere (facoltativo)

Procedimento:
Mettete i funghi porcini secchi in una tazza con acqua calda. Lavate le foglie di verza e tagliatele a listarelle. In una padella fate scaldare un goccio d’olio, aggiungete la cipolla tagliata sottilmente, le verze a listarelle, salate, pepate e lasciate insaporire. A questo punto mettete il riso e fatelo tostare un paio di minuti mescolando con un cucchiaio. Versate il bicchiere di vino e lasciate evaporare tutto l’alcol stando ben attenti a non fare attaccare il riso. Iniziate ad aggiungere un mestolo di brodo alla volta, facendolo ben assorbire  e continuando a mescolare. Circa a metà cottura unite i funghi porcini e l’acqua in cui li avete fatti ammollare (passatela in un colino per evitare eventuale residui di terra). Aggiungete anche la polvere di zafferano. Quando mancano circa 2 minuti alla cottura perfetta del riso aggiungete la panna di soia e il formaggio grattuggiato (o il lievito a scaglie se siete vegani). Aggiustate di sale e portate a cottura, sempre mescolando. Per chi lo desidera una volta impiattato cospargetelo con un pizzico di peperoncino in polvere.

Buon appetito!

Risotto al cavolfiore e zafferano

Amo molto i risotti e sperimentare nuovi accostamenti di sapore. In questo caso è stato un vero successo!

Ingredienti per 4 persone:
320 gr di riso carnaroli
1 piccolo cavolfiore
1/4 di cipolla rossa
1 bicchiere di vino rosso
1 litro di brodo vegetale salato
1 bustina di zafferano
1 noce di burro
50 gr di grana grattuggiato
50 gr di panna di soia
prezzemolo
olio evo
sale
pepe

Procedimento:
Tagliate la cipolla sottilmente e mettetela a rosolare in un tegame con 4 cucchiai d’olio e una noce di burro. Aggiungete dunque il cavolfiore (solo la parte bianca) tagliato a pezzetti molto piccoli e lasciate cuocere per un paio di minuti. Sfumate con il vino e lasciate evoporare tutto l’alcool. A quel punto mettete il riso e fatelo tostare un paio di minuti mescolandolo continuamente. Iniziate ad aggiungere il brodo gradualmente (un mestolo per volta fino a completo assorbimento), sempre mescolando.
Quando mancano un paio di minuti alla cottura perfetta del risotto, aggiungete lo zafferano e la panna e aggiustate di sale e pepe. A fuoco spento mantecate con il formaggio e il prezzemolo. Il risotto va tenuto rigorosamente all’onda, ovvero di consistenza molto morbida.

Buon appetito!